A Fabio, 5 aprile 2009.

lunedì 31 dicembre 2007

Sempre di corsa...

Non certo per le feste, ma perche' in 5 giorni io e Carla abbiamo corso 3 volte. Era un sacco di tempo che non correvo con una tale continuita'. Ma -ancora- piedi caviglie e schiena reggono bene. Oggi, in piena giornata lavorativa ci siamo presentati in diverse centinaia a Crevalcore per l'immancabile "11a edizione della Corrida di San Silvestro", manifestazione ludico motoria (guai a definirla "corsa podistica" senno' ti chiedono il certificato agonistico!) su distanze tra i 4,4 ed i 12,6 km.

Mi sentivo i 12,6 km, ma siccome in passato ho sempre "esagerato" con le distanze, senza curarmi troppo delle conseguenze (ed ora pago pegno) ho limitato il mio impegno (come Carla) alla distanza di 9,6 km per non trovarmi fra 4 mesi a piangere per il mal di piedi sulle strade dell'Arizona. Un bel freddo (ma meno di ieri), e dopo la partenza abbiamo mantenuto un buon ritmo (il solito, fra i 6'20" ed i 6'30") che ci ha permesso di arrivare al traguardo in poco piu' di un'ora (59 secondi, per la precisione), e di goderci questo sole dell'ultimo dell'anno con gli amici podisti del Pasta Granarolo e non solo.

Cosi' il 2007 e' finito, amen. auguri a tutti. Di cosa sceglietevelo voi, io sottoscrivo. A domani, cioe' all'anno prossimo.

Totali della settimana:

SWIM: 1000 m
BIKE: 113,81 km
RUN: 17,11 km

del mese:

SWIM: 3950 m
BIKE 182,55 km
RUN 59,37 km

dell'anno...

Nuoto: km 230,42
Bici: km 6729,23
Corsa: km 775,99

Ed infine il tracciato

domenica 30 dicembre 2007

Passin Passetto.

Passin passetto e' l'incipit di una filastrocca che descrive bene il mio approccio attuale alla corsa. Poco ma spesso. Mercoledi 26 10 km a Sant'Agata, oggi 7 alle Roveri, con un freddo che pelava (3,7 gradi sottozero) E domani ce ne sono altri 9 o 12 a Crevalcore. Per ora tiene tutto: la pianta e il dorso del piede, la schiena... Ad allungare c'e' ancora tempo, e quindi procedo "a vista". Dopo i 70 km in bici di giovedi', venerdi' mi sono riposato e ieri abbiamo fatto una lunga camminata. Del resto nei giorni di festa non riesco a concentrarmi e a fare lavori continuativi.

E dunque 7 chilometri nello scenario dello smistamento treni delle Roveri da una parte, capannoni dall'altra: non certo un paesaggio da ammirare, ma dovevamo correre, e io e Carla l'abbiamo fatto. Entrambi siamo in buone condizioni, nessun doloretto neanche lei, e domani si replica.

Il tracciato

venerdì 28 dicembre 2007

Mauritius e Dubai: le foto parte VI

Ma Dubai non e' solo grattacieli, ma anche una bellissima spiaggia ed un mare turchese...


E una citta' vecchia, con un fiume da attraversare su un abra...

...ed un museo ricco di diorama e vestigia del passato...

...ed anche la Bastakia, il quartiere delle torri del vento...

Mauritius e Dubai: le foto parte V

Un pranzo indimenticabile al Burj El Arab, visto da fuori...

...e da dentro...


...la fontana magica...

...io e la fontana...


...entrata del ristorante...


...tappeto dell'antibagno...

...e vista dall'alto di Carla e dell'ingresso...

...la fontana dell'ingresso...

...particolare della vela...


...e di fronte il Jumeirah Beach.

Mauritius e Dubai: le foto parte IV

Dubai, un primo impatto sconvolgente....





Qui sotto quello che diventera' il grattacielo piu' alto al mondo, 800m di altezza, il Burj Dubai..


Mauritius e Dubai: le foto parte III

Le foto dell'escursione omaggiata: visita del tempio Tamil, ingresso...


...e particolare...


...vista della capitale Port Luis dall'alto...


...e la casa colonica restaurata...


...nel giardino botanico, noi...


...l'albero del sangue (per via della resina rossa)...


...il laghetto delle ninfee...


... noi e un albero secolare...


...tartarughe...


...ed il ritorno in hotel.

Mauritius e Dubai: le foto parte II

L'escursione al tempio indu: le divinita' Hanuman...


...Garnesh...


...Brahma (?)...


...e vista dall'esterno:

Mauritius e Dubai: le foto parte I

La spiaggia del Beau Rivage. Vista a destra...

...vista a sinistra...


...e vista frontale (con sirena)...


...vista dal balcone...


...e vista notturna.

giovedì 27 dicembre 2007

Il mare d'inverno

Oh, poi di bei titoli non ne ho piu'. Cioe' ho ancora tante pedalate da fare, in Riviera, percio' i titoli si ripeteranno. E dunque, caricata la Aegis e la borsa da nuoto, con la ferma intenzione di arrivare (almeno) fino a Fano, e di farmi una bella seduta di nuoto nella piscina olimpionica di Riccione. In poco piu' di un'ora e mezzo ero in sella alla crono bike, che pur avendo 3 anni e' ancora una ragazzina, la linea e' ancora attualissima (vedere la P3 della Cervelo') il cambio e' ancora lo Shimano Dura Ace 10v il topo di gamma in listino e percio' questa bike ha ancora vita lunga.

Direzione sud: Case Badioli, Siligata, Cattabrighe, Pesaro e Fano. 35 e mezzo km in poco piu' di un'ora: troppo veloce, c'e' qualcosa che non va. Gia', 20 km all'ora di vento di tramontana da nord. Ritorno sulla stessa strada (l'Adriatica) in leggera sofferenza, ma alla fine riesco a tenere una buona media (considerate diverse soste per semafori) cioe' 28,3 kmh senza contare le soste, i 27,7 kmh con le soste. Buona anche la cadenza media, 81 rpm, ottimale, secondo le ultime indicazioni scientifiche, per triathleti IM.

Sulla via del ritorno doppia cartolina, "Ciclismo in Romagna", due "balle" (gruppi) di ciclisti, una formata da una 40ina di elementi, e ad un paio di chilometri, una altro gruppo di almeno 60 elementi, con altri a seguire snocciolati in un chilometro. Uno spettacolo.

Perche' vado in Riviera? Beh, innanzitutto perche' i 6 gradi di Riccione non sono i 6 gradi di Bologna. Sembrano di piu'. Sara' il mare, sara' che non c'e' umidita'... Poi perche' spesso mi ritrovo con altri scatenati triathleti (uno su tutti, Stefano) con cui condividere la stessa passione. Perche' il triathlon non sempre e' uno sport di singoli. Infine, l'Adriatica e' un bel piattone che arriva fino a Santa Maria di Leuca, volendo, con poco traffico e poco variazioni del terreno, adattissima alla preparazione degli IM americani, notoriamente piu' piatti di quelli europei.

A seguire la visita del Tempio. Ovvero dello Stadio del Nuoto di Riccione. Non avete idea. Piscina coperta olimpionica (2m profondita' standard) + vasca riscaldamento 6 corsie da 25m. Piscina olimpionica scoperta con pallone (+ vasca riscaldamento 6 corsie da 25m). Piscina scoperta da 25m, piscina con trampolino tuffi. A margine, campo sportivo con pista atletica perfetta. Campi da calcetto, tennis, squash. Naturalmente spogliatoi in cui perdersi, nuovi e puliti. Il tutto circondato da un parco per chi volesse correre piu' in liberta'. A Riccione. Se facessimo le proporzioni con Bologna... Vabbe' taccio senno' prendo querele.

Sono stato un quarto d'ora in adorazione. 11 corsie (ufficialmente ci sono 10 corsie, ma per il nuoto libero le stringono e ne salta fuori un'altra). Poi ho scelto una corsia (vuota) e ho nuotato per 45 minuti. Ci credete che avevo paura di rovinare qualcosa?

mercoledì 26 dicembre 2007

Santo Stefano

Niente di meglio, il giorno di Santo Stefano, della classicissima di Sant'Agata, sia in versione "ludico motoria", sia in versione competitiva. Niente di meglio per smaltire i bagordi natalizi. Ecco, se magari invece del nebbione e 3 gradi con umidita' media del 96,6% ci fosse stato un po' di sole, magari era piu' divertente, soprattutto capire dove stavamo correndo. Comunque, 10,15 km della ludica motoria a passo Carla (e oggi ne aveva anche piu' del solito!) in poco piu' di un'ora.

martedì 25 dicembre 2007

Natale

Seduto a tavola (purtroppo). Avendo io un rapporto con il cibo a dir poco disastroso, ogni volta che mi siedo a tavola rischio di rovinare diete e restrizioni di mesi. Passati e futuri. Cominciamo con la cena della vigilia, che quest'anno, insieme a 3 cognate, i loro compagni, 2 nipoti e la suocera abbiamo trascorso in un ristorante (contrariamente al solito) che aveva tutte le peculiarita' che io aborro: karaoke (pilotato) e cibo molto dozzinale (seppie con piselli), seppur di buona qualita' (nessun disturbo nel dopo cena).

Certe occasioni non le amo. Fa piacere rivedere parenti che non vedi (quasi) tutto l'anno, ma mi fa piacere anche stare tranquillo a casa con Carla, e mi trovo in imbarazzo perche' devo soppesare le parole. Per certi versi, quindi, l'accensione del karaoke dopo neanche un'ora e' stata una fortuna. Ma il livello di alcuni avventori era a dir poco infimo, con tentativi goffi (soprattutto stonati) di cantare, e quindi il mio umore e' rapidamente annerito.

Il cibo, a parte le seppie con i piselli (che oramai non fanno neanche piu' al cinese) e qualche eccesso di pomodoro, e' stato discreto, con l'apice nel risotto agli scampi e champagne, ma un bel 6 anche per gli spaghetti (bianchi) alle vongole e i tagliolini all'astice. Il branzino al forno era troppo salato, e sufficienza piena anche ai dolci. Promettono bene la pizza (vista ad altri tavoli) e tigelle e crescentine con affettato. Il Pescatore, Via Lunga, Anzola Emilia (BO).

Oggi, Natale, pranzo dalla suocera (con formazione ristretta ad una sola sorella con compagno), tortellini, lesso ed arrosto che ho apprezzato molto di piu'. A malincuore ho rinunciato al (mitico) pane di Zocca, ma da qualche parte dovevo "tenere". Speriamo che la corsetta di domani a Sant'Agata mi aiuti a smaltire le gozzoviglie, anche se quest'anno ci sono corsette anche il 30, 31 ed anche il 1, volendo. Ma poi c'e' un bel giovedi (bike&swim in programma) ed un venerdi, ancora.

lunedì 24 dicembre 2007

Vigilia

Beh, vigilia in bici, ovviamente. Per fare gli auguri a Roberto. Quello che "Se non c'e una salita non e' bici". E allora salita sia, ma non subito, senno' "quello la' lo perdiamo all'istante". Quello la' e' un suo collega di lavoro sloveno (ma triathleta). Appuntamento e partenza dall'Antistadio e via Casalecchio passiamo per strade di mezzo (i posisti le conoscono a menadito, sono quelle della maratonina "Lolli"), Zola, Rigosa, Madonna dei Prati per sbucare a Ponte Ronca sulla vecchia Bazzanese e da qui salire a San Lorenzo in collina. Bella salita pedalabile, peccato che io, tristo di norma in salita, a inizio stagione faccia oltremodo schifo, e ben presto mi ritrovo solo.

Anche Roberto non e' al massimo, e pure lui viene lasciato indietro. Cosi' alla spicciolata ci ritroviamo in cima, a San Lorenzo. La discesa verso Claderino va meglio, e tengo la testa per tutto il ritorno: Calderino, Riale e di nuovo Casalecchio, poi Bologna fin sotto San Luca dove mi arrampico per poche decine di metri, decidendo che oggi non e' giornata. Saluti, auguri e alla prossima. Due orette in compagnia. Basteranno per ammortizzare il cenone?

domenica 23 dicembre 2007

Milano da girare

Cambiate le informazioni personali (qui a destra) ispirandomi al botta e risposta del Viaggi di Repubblica.
Ieri un bel sabato pre natalizio a Milano, a ritirare il regalo per Carla che i miei le hanno fatto. Per il resto un buon pranzo "tipico" (risotto e cotoletta) al Ristorante L'Assassino, con Cesare Maldini pochi tavoli piu' in la' (e' il ristorante dei milanisti, tifosi e giocatori), e una bella passeggiata in centro, con un vano tentativo di vedere qualcosa alla Rinascente (murata di gente) e una salita alle terrazze del Duomo, con bella vista di Milano dall'alto.

Ritorno senza nebbia, ed e' una grossa novita'. Stamattina dovevamo andare a fare la corsetta, ma la notte un po' burrascosa dei gatti ci ha impedito un riposo "minimo" e quindi abbiamo spento la sveglia e amen.

Quindi posso postare i totali della settimana:

SWIM: 1500 m
BIKE: 54,75 km
RUN: 18,04 km

venerdì 21 dicembre 2007

Fuori programma

Avevo programmato una giornata di riposo e d'incontri per la futura societa', ma mi ritrovo alle 7 di sera a correre nei freddissimi ed umidissimi Giardini Margherita in compagnia di "big" Luciano, futuro presidente e di un suo cliente. Oggi la mini riunione era stata proficua e Luciano mi aveva appunto invitato ad una corsetta serale. Non amo molto le corsette serali, specie d'inverno, che sono sempre fredde ed umide, e foriere di infortuni.

Comunque di buon grado l'ho fatta, anche perche' il cliente di Luciano era interessato al triathlon, e fra un mio ansimo e l'altro abbiamo parlato di questo. La corsa, 34 minuti sospesi per manifesto assideramento, e' stata piacevole, a ritmi superiori ai miei consueti (ci vuole poco) ma senza il patema d'animo del gesto tecnico.

giovedì 20 dicembre 2007

La "balla"

Oggi toccava alla bici, ma senza il coach. Peggio, direi, perche' sono uscito con la balla di Salieri. La balla di Salieri e' conosciuta nell'ambiente dei ciclisti amatori come una delle piu' toste del circondario, se non la piu' tosta. Non esco con loro per masochismo, ma perche' hanno un orario giusto (martedi e giovedi alle 13, 2 orette l'uscita normale), per lo piu' in questa stagione stanno in pianura (piano A, stradelli guelfi), e tutto sommato sono piuttosto esperti, quindi anche prodighi di consigli utili ad un non ciclista come me. Sono ancora troppo forti, per me, almeno per tutto il tempo dell'uscita, ma finche' tengo, in gruppo ci sto, collaboro e do i cambi, se richiesto.

Quando la stagione avanzera' e cominceranno a sviluppare il piano B, ovvero la collina, allora per me saranno dolori (pochi km e sono al gancio, perche' per loro pianura o collina non fa tanta differenza di velocita'), ma intanto si va in pianura (anche perche' il freddo pela), e allora per un po' di km -20 oggi- sui 60 medi riesco a stare in gruppo, cioe' fino a quando non "cambiano marcia" e innestano il turbo dei 40 all'ora. Pero' fino ai 37, 38 all'ora ci sono. Oggi, poi, il coach si e' unito alla combriccola, e manco a dirlo, una volta in testa e' stato lui a cambiare marcia.

Cosi' arrivato a Castelguelfo con un bel 34,7 di media, e non volendo forzare (in fondo la bici non la usavo dal 26 novembre!) ho prudentemente girato per il ritorno, ma essendo da solo mi sono beccato tutto il vento. Che non era propriamente una bavetta. Beh, comunque sono stato contento, anche se ora non muovo le spalle (mi dimentico di rilassarle...) e ho un malessere muscolare generale, che mi consiglia un meritato riposo per domani.

Promosso!

Alla fine, dopo 4 giorni di attesa e' arrivato il sospirato responso. Ora sono Istruttore di I livello FITri, quindi la mia nuova avventura (come tecnico, oltre che come appassionato di triathlon) con la Polisportiva Porta Saragozza parte sotto i migliori auspici.

mercoledì 19 dicembre 2007

Il gambero

Oramai e' uno stillicidio. Di corsa, ho gia' detto ieri dei miei regressi (eh beh, se non si puo' correre un certo rischio di perdere certe peculiarita' del "correre", c'e' ...), oggi toccava al nuoto, e -apriti cielo!- dopo 20 giorni che non mi sottoponevo al suo sguardo attento, agli amorevoli urlacci, alle esternazioni piu' becere preferibilmente con piscina piena, in cui ho solo nuotato un paio di volte nell'azzurro e limpido mare mauriziano, volete mai che -quanto meno- fossi rimasto ad un livello decente? Jamais! E allora, una carotina e tante legnate.

Almeno ora con il pullbuoy le gambe vanno diritte (non scodinzolo per la corsia, insomma), ma per il resto... Apriti cielo! La testa... il gomito... il bilancino... Insomma sono un gambero, piu' mi alleno e piu regredisco... Vabbe!, sopravviveremo: lezione di tecnica, con 100m misti (con pullbuoy alternando le gambe) e serie da 100m stile di pura tecnica, fra cui un ipossia del 1° e 3° 25 che mi ha fatto vivere sensazioni poco piacevoli, ma mica potevo respirare per dargliela vinta!

Aggiungo che oggi (oggi!) ho ricevuto 3 foto della GF Carlo Dapporto che ho disputato a Pietra Ligure il 7 ottobre, e sprezzante del fatto che sembri piu' una mortadella che un atleta, le posto.

(sopra) Lungo l'infinita salita del Giogo di Toirano


(sopra) la lunga discesa del Melogno


ed infine felice al traguardo... il big (grosso) fra i big (del percorso lungo)

martedì 18 dicembre 2007

Il Natale si avvicina quando...

...in piscina c'e' la lezione "pallanuoto". Ed io che non lo sapevo stasera mi sono ritrovato in una vasca di gente scatenata dietro una palla gialla (vera palla da pallanuoto) cercando di centrare una porta semi vera. Comunque stamattina avevo avuto del mio. Come ieri. Ieri, in palestra, con trazioni di braccia alternati a squat e piegamenti, poi addominali, affondi, lombari etc. in ordine sparso. Tanto che oggi camminavo a fatica.

Ed oggi, stamattina per la precisione, avrei voluto fare un po' di km in bici, ma la bassa temperatura (2 gradi) ed il "niet" del coach mi hanno obbligato ad una seduta di corsa, cosi' strutturata: 20 minuti di riscaldamento (invano) poi 6 allunghi in salita di 100m, e giu' moccoli per la mia tecnica (?) di corsa, poi altri 10 minuti di corsetta ed altri 6 allunghi in salita (ed altri moccoli). Morale quasi 2 ore di corsa (anche se effettivo 1h e 20) nel gelo della zona Roveri. Pero' -almeno- abbiamo ricominciato a correre. Neanche a dirlo, sono regredito, secondo il coach.

Stasera, dunque, pallanuoto, con il pensiero che -ancora- non so se sono stato promosso o meno a quel benedetto esame...

Il tracciato

domenica 16 dicembre 2007

Svuotato

Eccomi tornato dalla trasferta torinese dove ho sostenuto l'esame di I livello per Istruttori Tecnici giovanili FITRI. L'esame doveva essere facile, in realta' non lo era affatto. Quindi non mi illudo, mi tocchera' rifarlo, a febbraio o in primavera. Non era solo una questione di "la risposta piu' intuitiva, completa, logica", e sinonini discorrendo. Quel testo li', (il manuale) e le slides e gli appunti e la pratica e stare 30 ore a sentire cose di cui "mi cibo", non sembrano essere bastate. 50 domande, ciascuna aveva 4 risposte, di cui solo una era esatta. max 10 errori. Eccheccevo'?

Nei tre sport sono in una botte di ferro, nelle transizioni anche. Giusto nella fiosiologia zoppico... Eh, hai detto niente. Domanda numero 2: Cos'e' un enzima... 4 risposte simili, ma solo una giusta. A sinistra risposta bianca, a destra idem. Il "prof" si china un po' come a cercare ispirazione, poi riemerge e scossa la testa: niente di buono, tocchera' leggere le risposte per bene. E siamo a 8 errori... La glicolisi anaerobica ha gia' lasciato molti corpi, sul banco. Anche il mio? Nuoto e bici ci siamo. Giusto un'incertezza sulle transizioni. Chissa'? Altro panico: le zone cambio... altre 4 risposte moooolto simili, dai, tira fuori il regolamento tecnico... Ma porc.... l'ho lasciato in hotel!

Daiiiiiiiii! Manca un quarto d'ora (avete tutto il tempo del mondo: un'ora!). Ok, rivediamo tutto... E questa? In bianco. Oddio devo mettere una risposta... Calma, rileggiamo... La spinta elastica del piede... Ah, si' c'entrano i polpacci... Sperem! Vabbe', basta. Senno' ricomincio da capo. Bastabastabasta.... Consegno, firma, arrivederci. A Napoli, il 10 febbraio (?).

venerdì 14 dicembre 2007

Ripresa

Stasera, sentendomi meglio, dopo giorni un po' di convalescenza, un po' di studio sono andato in piscina. Ruggio ha pestato duro, anche perche' ci sono 3 "promossi" dell corsia a fianco e vuol far capire fin da subito che aria tira nelle sue corsie. Pesante. Dopo il riscaldamento, un bel 400m con pullbuoy. Seguito da 2 x 50m gambe, 6 x25m sprint, tutto stile libero. E qui l'acido lattico ci tagliava a fette... Per fortuna dopo un 50m sciolto ha mollato un po' la presa, con 5 x25 prima a dorso e poi (uguale) a rana. Sciolti vari e sparsi, un 1500m in 40 minuti. Bentornato, Ironfrankie.

martedì 11 dicembre 2007

Casa dolce casa

Ahhhh che bello essere tornati, un freddo cane con una nebbia dell'ostia, una madre che invece di chiedermi come sto, insiste a dirmi che dovevo prendere l'Imodium, che e' meglio, un padre che si preoccupa se ho le nuove Pagine Gialle, e 3 gatti che nelle mie 12 ore di sonno rigenerante, mi hanno dormito addosso, un sacco di posta (elettronica e cartacea) e un esame domenica...

10 dicembre Bologna casa "Nightmare 2"

La mattina non parte bene. Mi sveglio alle 3 e mezzo, e alle 4.45 quando arriva la colazione in camera il malessere e' diffuso. Infatti bastano poche cucchiaiate di muesli e latte per capire che c'e' qualcosa che non va, peggio ancora il succo d'ananas. Ma sara' all'aeroporto, laddove avevo deciso che avremmo comprato "il mondo" che l'incubo si materializza. conati di vomito, diarrea, anche un mezzo svenimento fanno capire che saa' un giornata infernale.
Cosi' infatti sara'. Non ho potuto neanche mettere piede, al duty free, e sull'aereo e' stato un continuo aventindre' con il bagno. Almeno 15 le visite in 6 ore di volo. Piu 4 Buscopan, 2 Maalox, e 2 litri di acqua. Cibo, zero, ovviamente. Chissa', se scrivo al Guinness dei Primati... Non so come siamo a Milano, dove -ovviamente -appena sceso devo andare in bagno. Finalmente quando arrivano le valigie posso appropriarmi di un blister di Dissenten, 4, fino a ieri pomeriggio.
Peccato, perche' in volo c'era il quasi campione del mondo di offshore, Cappellini, e un allegra brigata di milanesi con cui avrei potuto ampliare i miei orrizonti...
Ripensando alla causa posso affermare quasi con certezza che sia stato un pescetto (Sunfish fillet), cotto e senza pretese di sugo particolarmente raffinato a rovinarmi l'ultimo giorno.

9 dicembre Hilton Jumeirah Dubai “Oltre lo shopping”

Oggi in programma il “giretto in centro”, con la visita al Gold Suk e allo Spice market. Il pulmino dell'hotel ci preleva alle 9 e mezzo e in poco piu' di un'ora siamo a Dubai centro. L'atmosfera e' completamente diversa. Negozietti, maschi trafelati e continue offerte di copie di orologio di famosissime marche. Ma noi non ci facciamo distrarre: e sia pure con parecchie difficolta' troviamo il Gold Suk, ed e' impressionante. Almeno 100 negozietti disposti a croce offrono oro, pietre preziose e diamanti a getto continuo.

Tuttavia l'offerta e' talmente vasta che il troppo stroppia, e non avendo riferimenti di prezzi, non ci impelaghiamo in contrattazioni (che sono d'obbligo, qua) e dopo aver comunque ammirato pezzi di artigianato orafo di notevole fattura ci mettiamo alla ricerca del mercato delle spezie attorno a cui -ovviamente- giriamo per mezzora prima di riuscire ad trovarlo. Poi riusciamo a resistere anche qua alle lusinghe dei venditori, certamente piu' insistenti e meno raffinati degli orafi.

Al che decidiamo di vedere un po' di storia di questi emirati, ma dobbiamo passare di la' dal fiume. E per farlo ci sono i Seabus, cosi' vengono chiamati i barchini alla vista piuttosto instabili su cui Carla sale molto incerta e la prima traversata avviene un po' in trepidazione, anche perche' il Dubai Creek e' largo. Di la' cerchiamo la Bastakiya, l'antenato dell'aria condizionata, cioe' una torre che con un sistema ingegnoso raffreddava la calda aria del deserto, ma troviamo il Dubai Museum, che merita sicuramente una visita, e solo dopo la Bastakiya.

Per mancanza di tempo (il pulmino dell'hotel ripartiva alle 13 e 50) non abbiamo visto la Shindagha, il cuore della citta' vecchia. Pomeriggio in spiaggia, e in serata corsetta sulla sabbia, che speravo di fare meglio della mattina, con la bassa marea. Ma la sabbia e' comunque cedevole. Vabbe', un ottimo esercizio di propriocezione. Cena al buffet “internazionale”, di buon livello.

8 dicembre Hilton Jumeirah Dubai “The BAA Day”

I tre giorni a Dubai hanno, in verita', un unico scopo (dopo aver capito che i mall non sono di nostro gradimento). Visitare il Burj Al Arab, L'Hotel. L'hotel, unico al mondo, con 7 stelle. E per accedervi bisogna avere una prenotazione in uno dei ristoranti, come minimo. Non si puo' andare li' a dire “Me ne hanno parlato un paio di amici, vorrei fare un girettino...” E, come minimo, un pranzo costa 70 euro, ma e' a buffet, quindi andandoci a digiuno da 3 giorni loro ci perdono. Io e Carla non lo eravamo, ma ci siamo difesi.

Comunque, dopo una corsetta bruciagrassi (oggi mangeremo abbondantemente 3 volte...) e la mattinata in spiaggia a passeggiare sotto il sole per rafforzare l'abbronzatura, in vista del rientro in Italia, alle 12 e 45 un taxi (autisti in divisa, qui a Dubai...) ci ha prelevato al nostro hotel per portarci al BAA, un decina di km, 25 Dhiram (5 euro scarsi). Giunti all'accesso primo controllo. Ok, prenotazione esistente. Via libera. Arrivati subito un dattero (solo per Carla, a me sembrano burdigoni...) come benvenuto. Poi “Salite pure al mezzanino con la scala mobile e vi troverete il ristorante (Al Iwan) a destra, buon pomeriggio, signore, buon pomeriggio, signora”.

Saliti al mezzanino ci troviamo una fontana con giochi d'acqua splendida, e girando il naso all'insu' la vista dall'interno e' incredibile. E' presto e girando nei dintorni trovo un ascensore che sale all'ultimo piano, dove c'e' un ristorante con vista mozzafiato. Riscesi entriamo nel nostro, e il buffet e' sicuramente superiore alla norma: pesce freschissimo ostriche e tante specialita' arabe di cui ignoro il contenuto (speriamo che il mio corpo si dimentichi delle mie allegie....) in cui mi tuffo per un assaggio piccolo ma dissennato. Il tavolo dei secondi offre anche un cuoco che puo' soddisfare richieste non presenti, ma dubito che uno non riuscisse a trovare qualcosa di extra.

Infine i dolci, un intero bancone. Un delirio a cui devo rinunciare per almeno la meta', tra frutti di bosco e noci una gran parte dei piatti mi e' vietata. Tuttavia provo il latte di cammello addolcito con acqua di rose, dolcetti dolcissimi ai pistacchi, una torta di mango, la creme brulee e altri che non ricordo... Satolli per davvero, indugiamo ancora al tavolo a goderci questo tempio dell'eccesso anche molto kitch. Il gusto non si compra, direbbe qualcuno, e questo hotel non sfigurerebbe negli States, di certo.

Usciamo e come bambini davanti ad una giostra rimaniamo incantati ancora alla fontana ed ai suoi giochi d'acqua. Il clou e' l'inserviente cinoarabo pronto a detergere le gocce che lo spruzzo centrale manda appena oltre il bordo. Usciamo a piedi e percorriamo il lembo di terra che collega l'hotel alla terra ferma ammirando un altro hotel per “poveri” il Jumeirah Beach, con stanze da 500 euro in su'. Ma quando finira' il petrolio che faranno?
Ritorniamo giusto in tempo per un'altra passeggiata (digestiva) in spiaggia. E un bel tramonto. Ceniamo per onorare il buffet messicano, ma siamo ancora pienotti dal pranzetto....

7 dicembre Hilton Jumeirah Dubai 2 "Il paese dei balocchi"

Esattamente come detto, mattinata in relax. Cio' che impressiona e' la quantita' di grattacieli che ci sono e quelli che si stanno costruendo, compreso quello che diventera' il piu' alto al mondo. Dall'aeroprto di Dubai all' Hilton sono 35 km, ovviamente strada a 7 corsie per senso di marcia e molti di questi chilometri sono coperti da grattacieli, uno a fianco all'altro. E anche dietro. E oltre. Ovunque! Ma come pensano di riempirli? Saranno 200.. Dove non ci sono, si intravedono lussuosi condomini piu' bassi, protetti da muri e guardie. Discrete, perche' qui il terrorisimo non c'e'. Poi nel pomeriggio il primo dei 36 mall stile USA che si trovano qua a Dubai. Il Mall of Emirates. Di tutto di piu', troppo.
Mi sa che sara' anche l'ultimo, tanto Carla ha capito che Luis Vitton fa prezzi uguali dappertutto (al centesimo) ma nonostante questo, in mezzora in cui siamo dentro abbiamo visto vendere almeno 20 borse, e il refrain non cambiava: donna velata in nero dalla testa ai piedi (solo gli occhi scoperti) accompagnato da sceicco con tunicona bianca inamidata e copricato tipico, la donna si guarda attorno, indica una borsa, e lo sceicco paga, senza fare una piega. E via che vanno da Burberry,'s, Gucci, Versace...
Io -se comprero' qualcosa- lo faro' al Duty Free dell'aeroporto. Il Mall of Emirates, dicevamo. Contiene perfino lo “Sky Dubai", una pista da sci lunga 400m con vera neve e ghiaccio. Poi cinema, negozi e tanto altro. Ci siamo rimasti 3 ore, ma piu' che i negozi in se' e' da vedere la vastita' dei costumi, da quella coperta da testa a piedi volto compreso (diverse), a quelle che lasciano scoperti solo gli occhi (molte), solo la testa (meno) a quelle tipo occidente (molte, la maggior parte). Lo stesso per gli uomini, molti in tenuta tradizionale, camicione bianco e keffiah, altri vestiti all'occidentale. Ma anche curiosi mix.

venerdì 7 dicembre 2007

7 dicembre Hilton Jumeirah Dubai "Laddove i poveri sono ricchi"

Sono le 9, e siamo appena giunti all'Hotel di Dubai, l'Hilton Jumeirah. Ieri la giornata ha cominciato ad essere vorticosa nel tardo pomeriggio. Fino alle 12 abbiamo approfittato del tempo limte per il check out, poi siamo andati a cercare da mangiare a Belle Mare, trovando solo banane e biscottini di manioca. Che insieme ai litches rimasti e ad un arancio ci hanno saziato. Nel pomeriggio abbiamo cazzeggiato in spiaggia, un po' in acqua, un po' al sole, un po' in acqua etc. Nonostante siano 6 giorni che prendo il sole “oculatamente” mi sono bruciato per la terza volata la faccia, ed esattamente il naso, la fronte e le orecchie.

Verso le 17 e 30 abbiamo goduto della Courtesy Room, una stanzetta con doccia e spogliatoio per coloro che hanno il trasferimento differito rispetto al check out ( e noi avevamo il taxi alle 19 e 30), poi con molta calma abbiamo aspettato il taxi. Dopo un trasferimento noiosissimo di oltre un'ora e chiacchiere in spagnolo (mi mancava...) all'aeroporto abbiamo cercato inutilmente un Dodo economico per la Giorgia, ma inutilmente, visti gli assurdi prezzi. Gli daremo il nostro, che sfigurerebbe in mezzo alla Gatteria.

Poi alle 11 e 20 l'imbarco, e nonostante fosse mezzo vuoto e quindi la possibilita' di stenderci, tra lo spuntino di mezzanotte (ed e' proprio il caso di dirlo) e la colazione, servita alle 3 e mezzo abbiamo dormito ben poco. Ora siamo in riposo, tanto oggi e' venerdi, e tutto aprira' nel pomeriggio. Ma state certi che ci sfuggira' ben poco. Ma questo ve lo raccontero' (come per farvi vedere qualche foto) la prossima settimana, perche' anche qui il web costa: non come a Mauritius (15 euro l'ora, in hotel!), ma sempre tanto.

Il tracciato

5 dicembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Una giornata elettrizzante”

Oggi l'evento clou era la pedalata al mercato Centre de Flacq che e' il secondo piu' importante del paese. Partenza alle 10.30 al gran completo, cioe' tutte e 11 le bici (Steeve compreso, e per fortuna che non era necessario prenotare...). Partiamo e gia' appena fuori rischiamo di venire travolti. Benito, il biker di venerdi scorso era prudentissimo, questo qui un disastro. Tira dilungo senza mai fermarsi, e raramente si gira per vedere se ci siamo tutti. Ai due incroci in cui dobbiamo girare a destra (qui si guida a sinistra) alcuni -meno esperti- rischiano di essere travolti.

Dopo 7 km arriviamo in piazza (un delirio) di voci, colori, odori. Subito ci tuffiamo nel mercato vero e proprio: certo, non possiamo spacciarci per locali, pero' trattando, o provandoci, i prezzi sono buoni. Ma comunque il doppio dei locali. Avevamo bisogno del pranzo, e acquistiamo arance, 2 ananas gia' puliti (15 rupie, 30 eurocents cadauno) e un bel po' di litches. Dopo la papaia (che ho cominciato a mangiare perche' se ne parla cosi' bene come lassativo) mi sono buttato nei litches, che non avevo mai considerato, come frutti. Una delizia. Adesso sono pentito di non averne presi di piu'...

Per il resto il mercato offre ben poco e neanche Steeve che ci porta in un negozio di souvenir (tu quoque?) ci fa svegliare la voglia di acquisto. Per fortuna il ritorno insieme ad un'altra coppia di francesi e' piu' facile ed in breve siamo all'hotel. Pomeriggio di mare, con in serata buffet Asian Ambiance, non eccezionale. Domani a mezzogiorno dovremo lasciare la stanza e fino alle 19 quando ci verranno a prendere per portarci all'aeroporto, non sapremo che fare. Ma credo che tra mare e piscina non avremo troppi problemi....

Il tracciato

4 dicembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Spiagge infinite che finiscono”

Pronti via alle 8 per una bella bruciagrassi, 36 minuti a ritmo vario, tendente al lento. Carla dopo 10 minuti e' molto in affanno e cammina piu' che correre, e cosi' io faccio avantindre'. Dopo colazione il programma s'infittiva. Alle 10 e mezzo appuntamento con Daisy, la nostra corrispondente Cormorano a non si sa bene cosa fare/dire (e ci ha fatto pure aspettare...), poi dovevamo (finalmente) andare a Trou de l'Eau Douce per la spiaggia bypassando i taxisti molesti. Ma dopo 50 minuti di camminata sulla spiaggia, sotto un sole cocente (lo e' gia' alle 8, in verita') la spiaggia diventa brutta, poco pulita (alghe, per lo piu') e rocciosa, cosi' desistiamo, ma non siamo molto distanti dal centro cittadino.

Ritornati alla spiaggia dell'hotel pranziamo lautamente (2 banane a testa, io l'arancia, Carla la mela, e qualche biscottino di manioca) e ci polleggiamo sotto l'ombrellone per un meritato riposo. Peccato che a) i lombardi (le signore di due coppie che a parlare sembrano i Fichi d'India quando si travestono) abbiano un tono da “l'erba del vicino e' sempre piu' verde!” e le signore si superano in complimenti della pineta, del mare “di la'” e cosi' via per un'ora abbondante, ed ovviamente ad un tono di voce “comiziale”; b) una coppia araba ci si mette proprio a fianco condividendo l'ombrellone, come se fossimo amici, cominciando a fare una tale confusione che decidiamo di cambiare ombrellone.

Poi, il non plus ultra. Il bagno. Oh, sara' l'acqua di un azzurro mistico, sara' che la temperatura della stessa invoglia il polleggio, sara' la tranquillita' dell'insieme, il silenzio, i rumori soffusi... Sara' quel che sara', diceva Jose' Feliciano, ma non usciresti piu' dall'acqua. Per nuotare ci sono spiazzi delimitati da boette non grandissime, ma permettono diverse altezze e nella nostra c'e anche un po' di corallo, con parecchi pesci. Normalmente mi faccio 4 volte il perimetro nuotando e a spanne sara' un centinaio di metri ogni volta. Certo il ritmo e' sempre rapportato all'insieme, ma cerco, per lo meno, di tenere un bello stile.

Asciugatici al sole e poi in camera a goderci 10 minuti (non era possibile resistere oltre) de Il treno dei desideri, si, quello con la trombona Antonella Clerici. Cena a la carte al Rive Gauche, noblesse oblige: il Mediterraneo si e' specializzato in pizza e pasta, quindi e' out, il Langoustine offriva il menu' aragosta a 49 euro, l'Indocina lo stesso menu' gia' testato. Quindi 2 uova strapazzate con i funghi, servite dentro un guscio di riccio svuotato, risotto con zucchine e parmigiano (copia) impreziosito da filetto di pesce alla griglia e tortino di mele con panne e gelato al cocco. Nouvelle cousine, quindi porzioni di sintesi, ma almeno il pane e' abbondante (e ottimo)...

Il tracciato

3 dicembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Nightmare day”

La giornata “incubo” di tutte le vacanze. Speriamo sia l'unica. Dopo l'accoppiata colazione passeggiata, verso mezzodi' (e dopo che un inserviente dell'hotel pulisse gli occhiali a Carla, perche' e' il suo compito al Beau Rivage, tra l'altro perfettamente eseguito) a Carla viene voglia di scoprire qualcosa in piu' dell'isola, cioe' Trou de l'Eau Douce. Vista la non incredibile distanza (saranno 5 km da qui) prima di partire a piedi facciamo comunque un pensierino al taxi e alla bici, e dopo aver constatato che sono pazzi da legare (17 euro in taxi per un tragitto che si e no i locali pagano 30 cents e 3.50 euro all'ora per la bici!) ci avviamo a piedi lungo la strada. Neanche al cancello i taxi ci offrono il tragitto, e dopo insistenti rifiuti (sembra incredibile che qualcuno voglia fare 2 passi a piedi??) riusciamo a fare qualche centinaio di metri senza essere disturbati.

Dura poco, perche' l'ennesimo taxista ci offre il passaggio gratis a Trou de l'Eau Douce, che accettiamo, perche' oggi gratis domani giro dell'isola. Poi per strada cambia idea e ci impiatta una proposta che non possiamo rifiutare. Oggi, per 20 euro, ci porta anche a Curepipe (famoso perche' ci sono “le fabbriche”: di che? Di tutto...) e domani per 40 euro il giro dell'isola con l'ovest Flic en Flac) e Chamarel, due delle maggiori attrazioni dell'isola mauriziana. E vabbe', in due giorni gli diamo lo stipendio minimo di un mese. Pero' la cosa si puo' fare, perche' i tour sono molto cari, con tutti.

Quindi Feroz (non so se sia il suo vero nome, nel biglietto vergato a mano il nome e' quasi illeggibile) punta su Curepipe, dove fa tre strade 3, sempre quelle per portarci prima in un negozio di imitazioni (che brutta roba e pure falsa), poi di diamanti (seee e io li compro qui!), e quando gli chiediamo prima un supermercato per della frutta, lui ci porta li' attorno dove al market non c'e' nulla (riusciamo a mangiare solo un caffe' e una briosche nel bar di fronte) e poi riparte: fabbrica di modellini navali (eh, ho tre gatti che ci andrebbero a nozze), altro abbigliamento taroccato (guaglio'!, so' italiano!) e infine un negozio di souvenir, ma anche qui, un pareo a 350 rupie (8 euro), che abbiamo pagato 175 (senza tirare sul prezzo) a Port Louis. Essu'. Feroz va la', torniamo in hotel che oggi butta male per te.

Al ritorno, evidentemente seccato fila veloce, con una guida che non vomito solo perche' non ho mangiato nulla. Era molto seccato perche' il tic appena percepibile all'andata si era improvvisamente fatto frequente e aumentato. Il gesto di staccare la mano dal volante come se bruciasse e restringerlo subito dopo. Chiaramente domani (e nel proseguo) non faremo altri giri “autogestiti” dai tassisti. Andremo (finalmente) a piedi (per la spiaggia, che li' mica ci sono i taxi!) a Trou de l'Eau Douce e forse ci imbarcheremo per l'isola dei Cervi, ma tutto in camuffa e da soli. Perche' qui i bianchi sono le vacche da mungere, se poi vengono dal Beau Rivage i prezzi da doppi si triplicano.

Ritornati in hotel dopo la spesa (4 banane, 1 arancio, 1 pacchetto di biscotti di manioca e un po' di filtri di te alla vaniglia autoctono, 112 rupie, meno di 3 euro, quanto i due caffe' e 2 briosche a Curepipe!) altra passeggiata sulla spiaggia per fare ora di cena, al Rive Gauche stasera il Gala Dinner, 5 piatti “alla francese” (microscopici assaggi) ottimi, comunque. Te omaggio acqua (un litro) 3,5 euro. Vabbe' che l'acqua costa, ma santa pazienza...

2 dicembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Spiaggia e mare”

Basta! Siamo qua da 4 giorni e siamo ancora palliducci per via di quella protezione 20 che -tuttavia- ci ha salvato, visto che per errore in un pezzetto di collo dove non l'ho data ho un ustione di II grado (in via di guarigione). Cosi' stamattina (con calma: e' domenica anche qui alle Mauritius!) dopo una colazione robusta, spalmati ancora di crema protezione 20, siamo partiti verso nord. Destinazione? Boh! Finche' non ci stancavamo. La spiaggia pero' e' finita prima, o meglio, un tratto di qualche decina di metri di rocce ci ha fatto fare dietro front dopo un cammino di tre quarti d'ora (3 km). Al ritorno anche il tipico acquazzone tropicale di qualche minuto, quanto basta pero' perche' ci bagnasse del tutto.

Tornati alla spiaggia dell'hotel, e un bagnetto in cui ho anche sfoggiato una nuotata a stile possente e perfetta stilisticamente, per fare arrivare l'ora in cui avevamo prenotato l'attrazione della giornata: la gita in barca con fondo a vetro. Un'ora di navigazione in cui ci siamo spinti ai limiti della barriera corallina, la' dove i flutti possenti dell'oceano indiano si frantumano contro i coralli, e le acque si quietano in pochi metri. Molti pesci, tanti i coralli. Splendida. Stanchi ma felici di questa esperienza ci siamo spaparanzati sui lettoni a riva e abbiamo lautamente pranzato (2 banane e 2 arance io, 2 mele. 2 banane e 10 litches Carla) e abbiamo resistito per un po' alla forza sempre maggiore del vento che sferzava da sud est (dal mare diritto diritto...), poi siamo ritornati in camera dove mi sono goduto in diretta il sorteggio dei gironi dell'europeo e in serata (nostra) Fiorentina-Inter in diretta su Rai International.

Serata al buffet indiano con imprinting in fronte di pasta bianca a me e pecetta in tessuto rosso scuro a Carla, per il resto assaggi di tutte le specialita'. Ad un livello superiore, ma molto superiore...

Il tracciato



1 dicembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Scampagnata”

Oggi gita gratis (offerta da Cormorano ai suoi ospiti) al mercato di Port Luis, seguita da visita ad una casa coloniale con pranzo e trucco, ed infine visita al Giardino Botanico. Il rendez vous e' a Port Luis presso un tempio Tamil con gli altri ospiti (Sebastiano e Federica di Venezia e la pasticcera di Orbetello) quindi alle 8.30 un taxi ci prende dal cancello dell'hotel e ci scarozza 30 km verso l'appuntamento, cui arriviamo con 10 minuti di ritardo, con Silvia, la guida, un po' preoccupata. E' una franco-tedesco-italiana che ha sposato un mauriziano.

Silvia, comunque e' professionale, e ci intrattiene bene, perche' il jetlag ancora non e' ben assorbito. Dopo il tempio, in parte non visitabile, ma molto colorato e ricco di statue di dei, puntiamo ad un'altura da dove si ammira il panorama di PL che e' rinchiusa in una conca sul mare. Molto spazio e' occupato dall'ippodromo, il piu' antico del mondo dopo Ascot e che per i mauriziani costituisce uno dei maggiori passatempi. Ma eccoci al mercato, dapprima di souvenir, resistendo alle chimere ci compriamo solo una pashmina vera, e trattando sul prezzo da 2500 rupie la commerciante scende alla meta' (30 euro) con carta di credito: avremo fatto un affare? Boh!) poi alla parte della frutta e verdura, dove compriamo 10 banane, 2 mele 3 aranci per la spaventosa cifra di 50 rupie (un euro e 12 cents), rifiutando sdegnosamente un bel po' di litches per 500 rupie.

Dopo questa vucciria puntiamo ad un negozio che Silvia ci assicura fabbricante di Burberrys, D&G e Armani, ma troppo forti sono i dubbi del tarocco che Carla non si lascia irretire da un borsa D&G che ci davano per 50 euro. Infine il centro commerciale (dove siamo piu' a nostro agio) e qui sbrocchiamo nelle spese con un calendario 2008, 3 matite, una mini bandiera, 2 dodo (animale autoctono estinto nel '700: come se da noi ci fossero i pupazzetti di mammut ad ogni negozietto...) uno magnetico ed uno colorato da mettere nella Gatteria. Peccato, quando cominciavamo a divertirci dobbiamo ripartire. Mi spiace per la pasticcera di Orbetello che non trattando mai sul prezzo ha speso uno sproposito per delle polo, spezie e del the.

Pranzo dunque da Tante Athalie, con museo di auto d'epoca revisionate e rimesse a nuovo. Poi la casa coloniale (a fianco) diventata rivendita di tappeti, e noi “Grazie, ma abbiamo gia' dato in Marocco 10 anni fa”. Infine -per digerire- visita al giardino botanico, 26 ettari e 600 piante diverse. Ritorno giusto per una bella corsetta, perche' il vento e' troppo forte per un bagnetto tranquillo e serata al ristorante Indouchine, certamente il piu' raffinato (basta l'Evian da litro a 6 euro?) ma a fronte dei piatti inclusi (che -comunque- ci si mette di piu' a dirne il nome che non a mangiarli) ci hanno omaggiato di appetizer di gambero in salsa di zucca, intermezzo di sorbetto di mango allo champagne, e dolcetti finali in aggiunta. The omaggio, comunque. Anche qui i salamelecchi ancora piu' virtuosi, se mi capite... Decisamente una vacanza migliore rispetto al primo giorno!

Il tracciato


30 novembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Ora si ragiona”.

Stamattina i buoni propositi (sveglia all'alba per corsa bruciagrassi a digiuno) sono andati a ramengo perche' spenta la sveglia ci siamo ritrovati in compagnia di Morfeo fino alle 9 meno dieci, e con ben 2 appuntamenti incombenti, dopo la colazione. Il primo alle 9 e mezzo con la corrispondente Cormorano, che ci doveva illuminare sui tour, e sulle info generali. Piacevole sorpresa quella del tour offerto domani -sabato- a Port Luis e dintorni (sai te con tutti i soldi che ci e' costato questo viaggio potevano anche offrircene uno al giorno!).

L'altro appuntamento era con il bike tour, in MTB con Benito, uno dello staff animatori. Bello: ho cercato di sfruttare al meglio queste due orette tenendo sempre un rapporto agile ed un'alta frequenza di pedalata. Visita al tempio indu di Pointe du Flacq, e ritorno, una 30ina di chilometri in tutto. Complimentary, omaggio, mentre le MTB, di norma sono a pagamento, come internet, allo spropositato costo di 15 euro all'ora. Ritorno per il pranzo, che non abbiamo nel pacchetto (scelta nostra) ma che gestiamo come nostro solito con nonchalance: passeggiata al paese (Belle mare) vicino (1km) e trovato il market con il cibo (non facile, visto che sono quasi tutti souvenir e abbigliamento) acquistiamo 2 pagnottelle di pane, 4 bananine, una mela granny ed un'arancio. In un altro market compriamo gallette di manioca, per la merenda. Il caffe' ed il te fa parte della dotazione della camera.

Stamattina la colazione -a buffet- e' stata ottima, e lo sarebbe stata anche piu' se non mi fossi limitato a mangiare frutta, all bran con latte, e due micro brioche. Eh, magari un waffle o una crepes una di queste mattine me l'assaggio... ma le cose offerte sono tantissime. Stasera il buffet al Rive Gauche, (uno dei 4 ristoranti gli altri sono Le Langoustine, Indouchine e Mediterranee). E devo dire che ha meritato un bel 10 e lode. Di tutto di piu'.

Il tracciato


29 novembre Hotel Beau Rivage, Mauritius “Oddio che bello!”.

Dopo un viaggio neanche troppo allucinante (15 ore, Milano-Dubai-Mauritius) Eccoci al nostro hotel un po' frastornati. A Malpensa siamo arrivati con notevole anticipo (alle 11 eravamo gia' al parcheggio convenzionato), poiche' presupponendo nebbia eravamo partiti da Bologna alle 8. In aeroporto ci siamo incontrati con Rossella la nostra accompagnatrice Cormorano che ha sbrigato le formalita' rapidamente, anche se l'aereo Emirates aveva mezzora di ritardo. Arrivo a Dubai oltre mezzanotte e il Duty Free dell'aeroporto e' una delle emozioni del viaggio. Ogni ben di dio, possibilmente elettronico o di moda o anche d'oro (22 i carati offerti, contro gli standard 18) sono senza tasse e ad un prezzo eccezionale. Tanto per fare un esempio un telefonino che da noi costa 900 euro qui si trova a 604.

Ripartiti alle 2 e mezzo (ora locale di Dubai e Mauritius, 3 ore in piu' che in Italia) Stamattina siamo arrivati all'aeroporto di Mauritius alle 9, e in 50 minuti siamo al Beau Rivage. Dopo una giornata le sensazioni sono ottime, il posto e' meraviglioso, il mare caldo e il sole picchia, mitigato dal vento. Pero' l'hotel e' uguale a tanti altri, seppure di questa categoria (5 stelle), recintato e chiuso al mondo esterno. Dopo cena (quantita' risibili di cibo, e abbiamo pure la mezza pensione) abbiamo girato tutto il giardino due volte. Tante smancerie, salamelecchi e bonjour-bonsoire. Du maron! Esempi? Al ristorante una controlla la prenotazione, uno/a ci accompagna al tavolo scelto, uno toglie la sedia da sotto il tavolo e ci accomoda, lo stesso ci stende il tovagliolo in grembo... Poi arriva il cameriere vero e proprio per l'ordine. Tutti, immancabilmente “Buona sera, come va? E' stata una bella giornata? Bene, Buon appetito” In inglese o in francese. Il non plus ultra e' che tutte le volte che ci si alza, il tovagliolo viene ripiegato perfettamente. Un delirio.

Domani sara' tutto piu' bello?

martedì 4 dicembre 2007

Mauritius

Internet troppo caro STOP Quando potro' vi raccontero' una vacanza da sogno STOP

lunedì 26 novembre 2007

Gita al mare 2

Stamattina vedendo il nebbione tipicamente padano aleggiare su Bologna la mezza idea e' diventata una. Riccione. Aegis. Pesaro. Ovvero un giro in bici sull'Adriatica da Riccione a Pesaro passando per Siligata. La simulazione del giro dell'IM Arizona poteva essere perfetta. In piu' l'abbassamento del manubrio di 2 cm era tutto da testare, soprattutto sulla schiena.

Riccione e' fantastica, in questa stagione. Gode di un microclima unico: 15 gradi, sole e niente umidita'. Solo un fastidiosissimo e discreto vento di tramontana. Cosi' non mi ero illuso, andando verso sud, che i 30 all'ora di media a Pesaro fossero frutto della mia gamba. Considerato che per fare Siligata vedevo velocita' piu' vicine ai 10 all'ora che non ai 20. Cosi', a Pesaro girata la prua della bici ho ripreso la strada al contrario, ma non ho perso molto, come media. Alla fine 44 km ai 28 all'ora. Bene anche la nuova posizione ribassata.

Poco, pochissimo, ma temendo il vento contrario non ho forzato, e va bene cosi'. Ho gia' la testa laggiu', sull'isola dell'Oceano Indiano che di nome fa Mauritius, che ci ospitera' fino al 7 dicembre (piu' tre giorni a Dubai). Niente gare, solo relax, con qualche sana corsetta e nuotata. Dovrebbe esserci la possibilita' di connettersi, e cerchero' di farmi invidiare al massimo postando resoconti e foto.


Il tracciato

domenica 25 novembre 2007

23a Camminata dei 2 Mulini

Ultima camminata prima della partenza (gia', partiamo...), in compagnia di Carla che tenta per l'ennesima volta di riprendere la corsa. Un domani -certamente- riuscira' a finire una maratona, anzi sembrava questo l'anno giusto, ma un po' la bandelletta ileo tibiale, un po' un dolore all'anca di misteriosa provenienza le hanno fatto perdere fiato e fondo.

Quindi poco meno di 11 km a passo Carla, nelle campagne di Lavino di Mezzo, tra Zola e la via Emilia.

Il tracciato
E i totali della settimana:
SWIM: 6300 m
BIKE: 102,31 km
RUN: 10,77 km

sabato 24 novembre 2007

La battaglia parallela

La battaglia parallela a quella di preparare il mio fisico a sostenere un Ironman e' quella per perdere peso. Perche' credo di essere uno dei pochissimi al mondo che pur facendo ironman, e allenandomi ogni giorno (o quasi), ingrasso. Ma non massa magra. I chili in piu' che mi ritrovo sono di CICCIA. E la maggior parte vanno li', nella PANZA.

Fin dalla nascita, ma ancora di piu' da quando ho deciso di migliorare la mia qualita' di vita facendo sport, mi sono affidato a dietologi o -come si dice ora- alimentaristi. L'ultima, Roberta M., splendida maratoneta di livello nazionale, e' riuscita a portarmi nel settembre 2006 fino ad 81 kg e mezzo, a 4/5 kg dal mio peso forma di 77 (calcolato scientificamente), con una percentuale di massa grassa del 12 e mezzo percento. Poi per tutto il 2007 ho sballonzolato sugli 85, ma ora sto debordando a 90 (oltre, in verita'). La dieta che seguo "non tiene piu'", o meglio la mia testa (e la mia bocca) si prendono troppi extra.

A complicare le cose il fatto che ho difficolta' a correre (fino all'anno scorso era il miglior modo in cui riuscivo a perdere chili in poco tempo, facendo lunghi di ore ed ore), i nervi dei piedi dopo un po' (tempo variabile tra la mezzora e l'ora) cominciano a dolere. E non e' la fitta al fegato che basta aspettare o accelerare. Gia' mi sono operato, ma evidentemente non e' bastato, perche' i nervi ancora si fanno sentire. Quindi non potro' contare su questo naturale ed ottimo metodo di scioglimento grassi.

Cerchero' di rientrare nel peso in qualche modo, ma oltre alla dieta dovro' cambiare la testa, soprattutto, perche' -come detto- non mangio per fame. Tuttavia un primo passo l'ho fatto. Stamattina e' arrivata la Tanita BC545. Una bilancia. Anzi, una bilancia impedenziometrica, ovvero un computer che, tramite scariche elettriche a bassissimo voltaggio sparse per il corpo, calcola la composizione corporea.

Abbiamo gia' litigato, io e Tanita. Secondo lei peso troppo (91,5 kg), ma soprattutto ho troppa massa grassa (25,6%). Il mio tronco pesa 34,5 kg, ciascuna gamba 11 e il braccio sinistro 3,7, mentre il destro 4,6. Tutto cio' ha determinato la definizione di obeso moderato. Ha deciso che mi dovranno bastare 1998 calorie/giorno e che mi aspetta sabato prossimo.

venerdì 23 novembre 2007

14 x 100m stile a 2'

Niente. La palestra non fa per me. Eppure devo insistere, perche' e' l'unico modo per rimediare ad anni di lassismo e trastullo. La pochezza della mia muscolatura si evidenzia nello squat. E negli esercizi similari. Tutto cio' che fa rima con "piegamento sulle gambe" per me e' un altro mondo, ovviamente sconosciuto. Quindi stamattina altre figuracce, perche' alla palestra del CUSB mica siamo soli... Fissi ci sono un giocatore di basket e il portiere del centro sportivo, una bestia di croato (2 metri per 110 kg) che fa i campionati master di decathlon (ma anche di mangiate, dai racconti che ci fa).

Dopo i 3 giri di attivazione subito serie di braccia, il movimento e' quello del nuoto, stile delfino per la precisione, con 20 kg, diverse serie da 20 ripetizioni. Alternate ad esercizi di polpaccio, che io eseguo male, ovviamente (piego il ginocchio). A seguire squat (senza pesi, solo bilanciere) alternate alle braccia, sempre lo stesso esercizio. Per finire addominali (una figura patetica, neanche 20 di seguito) e esercizi per i rotatori della spalla.

Consapevole che per i prossimi 3 giorni avro' dolori indicibili in tutto il corpo ho tuttavia volentieri sostenuto, in serata, la seduta di nuoto, con un Ruggio invasato. Martedi ci aveva promesso di farci provare (anzi, gustare) un 14 x 100m stile a 2': mica se ne' dimenticato. Infatti dopo il riscaldamento, esercizi a dorso e stile (2 x 75m per stile con il pullbuoy, il primo e l'ultimo a braccio singolo, il centrale con entrambe le braccia) e un 4 x50m misti con 20" di riposo, eccola li' la mazzata. 28 minuti in apnea.

Beh, sono sopravvissuto, va la'. 1.45 stampato ogni 100, alla fine 135 battiti. Ah! a nuoto vado anche bene... E' la bici che mi manca...

giovedì 22 novembre 2007

Gita al mare

Approfittando dell'invito dell'amico Stefano Greguràtt (che non e' milanese, ma riccionese DOC) oggi ho messo la Aegis sulla macchina e mi sono diretto al mare, obbiettivo un medio sulla IMbike in compagnia di Stefano e "altri". Peccato per l'incidente meccanico occorso a Stefano (gomma bucata) che ci ha impedito di fare un buon chilometraggio. Certo che tra lui e David, "l'altro", non si risparmiano di certo e senza neanche alzarsi sui pedali si mettevano fianco a fianco ai 42, 43 all'ora... Pochi secondi ed io perdevo la loro ruota, ovviamente.

Sebbene coperto non e' stato mai freddissimo, e neanche troppo umido come a Bologna, mentre abbiamo subito un fastidioso scirocco, che all'andata ci ha frenato molto, mentre al ritorno ci ha "spinto" fino ai 70 all'ora, nella discesa di Siligata. L'adriatica, poi, e' frequentatissima di "balle" di ciclisti attempati, i quali piazzano rilanci spaccagambe (anche se poi li tengono poche centinaia di metri....) ma che sono molto allenanti. Al ritorno ne abbiamo subito alcune (restituite colpo su colpo).


Cosi' un bel giretto di un paio di ore per 54 km, ad una media vicina ai 30 all'ora (purgando le soste), e una bella giornata in compagnia.

Il tracciato

mercoledì 21 novembre 2007

Non succede mai niente...

Normalmente nel condominio in cui vivo non accade praticamente nulla. Auto che vanno in garage, auto che vengono dal garage... Qualche artigiano parcheggia il camioncino nella corte (che non sarebbe adibita a parcheggio ma per le emergenze si pazienta) per i lavori in qualche ufficio o appartamento. Passaggio a piedi, si', ci sono molti uffici. Ma niente di che. Cosi' la scorsa settimana quando mi hanno proposto "mercoledi alle 9" per la sostituzione della lavastoviglie non ho avuto obiezioni. Niente di piu' sbagliato.

Infatti, oggi, nell'ordine: trasloco dell'ufficio a fianco del mio appartamento (secondo piano) al primo (roba di 35, 36 gradini), con conseguente ingresso di 3-camioncini-3 (e una decina di persone) nella corte. Per un intervento programmato (di cui non sapevo nulla, visto che mio padre ha l'abitudine di dirmi le cose nel momento stesso in cui devono accadere) di ripavimentazione ha fatto si che le nostre auto dovessero essere portate fuori dal garage e posteggiate nella corte, cosi' per i camioncini non c'era piu' posto.

Inoltre l'arrivo della lavastoviglie nuova e conseguente ritiro della vecchia, piu' l'installatore, che mica viene a piedi... Insomma alla 8 e mezzo mi sono improvvisato vigile e parcheggiatore: ho diretto il traffico e dato dritte per parcheggiare nello spazio ristretto. Per fortuna che l'installatore aveva trovato posto in strada (evento unico) cosi' come il furgone della MediaWord. I 3 camioncini si sono ridotti ad 1, e finalmente la pace e' tornata in fretta.

Meno male che mi ero preso la giornata di riposo...

Ah, la lavastoviglie funziona che e' una meraviglia (Whirlpool W69) e' silenziosissima e ha richiesto un'oretta per l'installazione.

martedì 20 novembre 2007

E questo e' sempre uguale...

Ruggio ha pigiato l'acceleratore. Stasera piramide 50-100-200-100-50 a stile (15" riposo) poi uno strano 3 x 50m andata dorso e ritorno a rana e poi la botta. 5 x 100 stile a 1'50" -2 minutini di riposo- e via altri 5 da 100 a 1'45". Tre nella prima serie e due nella seconda li ho fatti con il pullbouy (anche se avrei voluto farli tutti, io!), contro il parere di Ruggio perche' le devo usare e modellare (questa mi giunge nuova...), queste gambe.

Pero' ne sono uscito vivo, che e' gia' tanto.

E' tornato!

Oggi il coach ha rimesso le terga sulla bici da corsa. Potevo forse io mancare a questo evento? Ma certo che no, solo che ho ancora le gambe gelatinose, quindi ho potuto solo rallentarlo. Non che normalmente vada meglio, ma oggi e' stato anche peggio. Gia' la temperatura (8°) non ha aiutato.

Appena inforcata la Colnago, poi, quadricipiti e polpacci mandavano segnali inequivocabili. Non ne volevano sapere di muoversi, fare qualsiasi tipo di fatica. Figuriamoci poi quando prima abbiamo imboccato la Val di Zena (che a me oggi e' apparsa con pendenze doppie del solito) e poi da Zena siamo saliti a Zula: poco c'e' mancato che mettessi il piede a terra e mollassi tutto. E lui, bel bello, che andava su unto. Come se non fosse stato fermo 40 giorni praticamente immobile.

Solo a Pianoro (su per via Riosto) i miei muscoli hanno smesso di lamentarsi, probabilmente perche' caldi, ma oramai eravamo sul finire della scampagnata. Quindi un'uscita disastrosa (meno di 50 km alla fine), ma me l'aspettavo, viste le conseguenze della palestra. Pero', diamine, ma quanto ci mette l'acido lattico ad essere assorbito?

Il tracciato

lunedì 19 novembre 2007

Attratti dal triathlon..

Tanti sono quelli che -atleti e non- mi hanno contattato per avere informazioni sul triathlon, tutti, piu' o meno, iniziavano la loro epistola informatica con una frase del tipo:

"Mi sono imbattuto per caso nel tuo blog e (perche') mi sono stancato di pedalare (correre, nuotare) solamente e ho voglia di provare qualcosa di diverso. Un triathlon (ironman). Raccontami cos'e' (come si fa) il triathlon."

Innanzitutto un sincero ringraziamento per aver visitato e letto i miei deliri. Non sono depositario della verita', ma un po' di esperienza ce l'ho, soprattutto ho spirito di osservazione, e golosamente incamero suggerimenti, consigli (che li metta in pratica e' un altro discorso) e inoltre sono abbonato alle (praticamente tutte) riviste di Triathlon del mondo, ho una sessione di Opera aperta su siti di cose di triathlon e poi una domanda non puo' rimanere senza risposta. Non ultimo ho comprato una sacco di roba triathletica online.

Tutto questo sproloquio per salutare gli ultimi che si sono rivolti a me:
Bacco, luigi f, Marco B. e Giovanna
Gli altri che mi hanno salutato in piscina, palestra e in gare.

ed i "soliti" unoazero2000 che ha gia' fatto il battesimo, Ironjax, max.tri79, pier.pirana, gabriele, paquale, peppe e sciffo che hanno un loro blog.



The Revenge(s)

Per la cronaca ho ancora male alle gambe dalla seduta in palestra da venerdi'.

Stamattina seduta in piscina, e la vendetta del coach sulla mia dichiarazione (Ora sono in grado di fare 12 da 100 stile a 1.55"!) e arrivata anche prima di quanto mi aspettassi. A suo modo, oltretutto, cioe' una mannaia. Infatti dopo un 200m di attivazione, subito un altro 100 stile. Eppoi un 18 x 100 stile con progressione 1-3, riposi 10"-20"-30", la prima e l'ultima serie complete, le altre con palette e pullbuoy. A seguire un 100 sciolto (a dorso) e 4 x50m gambe stile.

Ma c'e' stata anche la mia vendetta, con tempi ottimi lungo tutta la serie, ed anche nella progressione come richiesto (la prima serie completa 1.43-1.38-1.33) le altre, con palette e pullbouy ero sotto l'1.30 i primo, sotto l'1.25 i secondi e sull'1.23 (con 1.21 mai visto) i terzi 100. Purtroppo l'ultima serie, quella completa ha segnato tempi lumacosi, con scadimento del tempo di una ventina di secondi (rispetto ai tempi con palette e pullbuoy, ma di 5 secondi rispetto alla prima serie completa). Ma con palette e pullbuoy sono molto piu' competitivo, che senza.

Restano i soliti difetti di tecnica: la testa troppo alta nella respirazione, che si porta poi all'esterno il piede destro, scivolo ancora poco sull'acqua, spesso sono in diagonale nell'acqua, cioe' la gambe affondate. Ma, intanto, i tempi sono migliori, e alla fine sono piu' importanti i tempi che non la tecnica, anche se e' con un'ottima tecnica che fanno i tempi.


Totali

Chiudiamo un'altra settimana...

SWIM: 6000m
BIKE: 24,23 km
RUN: 15,7 km

domenica 18 novembre 2007

32° Trofeo Nassetti

E dunque eccoci ad Ozzano, per riscoprire un po' la corsa. In chiave agonistica, visto che Carla, sapute le salite impervie del percorso (soprattutto San Pietro), ha preferito dare forfait. Cosi' sono partito deciso per la competitiva di 12,7 km, ma gia' dopo 2 chilometri e mezzo i miei buoni propositi stavano vacillando. Ero indeciso fra "la 4" e "la 7".

In questi casi il bivio anticipato con le "corte" aiuta molto, cioe' appena partiti non si decide mai per il percorso piu' breve, ed infatti mi ritrovo sul percorso lungo. Neanche il tempo di complimentarmi con me stesso per la scelta che sacramento: l'erta salita al borgo di San Pietro e' una coltellata, e mi costringe al passo. Le cose peggiorano (psicologicamente) con Marino che mi raggiunge corricchiando e poco piu' avanti c'e' Roberto che ci aspetta dichiarando che si e' gia' ritirato 3 volte.

Sono entrambe vecchie volpi, e so bene che possono lasciarmi li' in qualunque momento ad ansimare e fino a 3 chilometri dall'arrivo fra un "sono cascato dall'albero mentre potavo e ho un taglio alla tibia che non dovrei neanche correre" (Marino) e un "sono tornato ieri dalla Repubblica Ceca dopo 15 giorni di trasferta di lavoro a mangiare e bere fino a strozzarmi" (Roberto) il passo e' piu' simile al mio (5.30/km) che non al loro (4.30/km), su queste distanze. Cosi', sull'ultimo strappo prendo coraggio e provo l'allungo.

Non sono molto convinto, perche' le gambe urlano ancora dalla seduta in palestra di venerdi, ed il polpaccio sinistro tira in modo preoccupante. All'ultimo km sento le vecchie volpi alle mie spalle conversare tranquillamente, ed io che ero allo spasimo ho preferito fare l'ultimo chilometro come defaticamento. Insomma, li battero' in un'altra vita, quei due li'. Il test, comunque e' andato bene, i piedi hanno tenuto, alla fine corro meglio senza plantari e con le Dyad 4, piu' "cushion" delle Glycerin 5, sempre Brooks. Soccia che freddo, pero'...



Il tracciato

sabato 17 novembre 2007

Ricapitolando..

Giovedi' sera cena della corsia del corso di nuoto di Carla, cui mi sono aggregato sperando in una prosaica pizza ed invece e' stato un tripudio di crescentine e tigelle (discrete) e affettato (scarso e di modesta qualita'). Uniche note positive il prezzo (14.00 euro scarsi a testa) e la quantita', ovvero abbiamo dovuto dire noi basta alle portate. Il posto (dove andare solo in grosse compagnie e senza badare troppo al sottile) si chiama Agriturismo (come se bastasse una strada sterrata e un casolare ristrutturato...) L'Airone, e' sulla trasversale di pianura da Granarolo verso Funo a sinistra poco dopo il bivio per Viadagola.

Ieri palestra, e ancora mi domando perche' io che faccio (e mi alleno) per degli Ironman sopportando sedute di ore in bici (ma anche -ai tempi- diverse ore di corsa), chilometri di nuoto continuo, mi domando -dicevo- perche' un'oretta di esercizi, a peso risibile o appena percepibile, senza che versi una goccia di sudore, mi provochi una produzione di acido lattico da multinazionale. Sembra comico, ma 4 serie da 20 squat (senza peso), piegamenti su una gamba (10 per gamba), trazioni dei dorsali (4 serie da 20), trazione dei bicipiti femorali (4 serie da 20 con 15 kg) e qualche serie di polpacci mi hanno provocato dolori indicibili alle gambe e ai glutei e mi conferiscano una camminata (eufemismo) da cow boy del Texas.

In serata (quando ancora non avevo alcun sintomo della palestra) nuoto, con i misti della zio Ruggio, ovvero 4 x25m delfino, 4 x 50m dorso, 4 x 100m rana e 4 x 200m stile, seguiti da un 50 dorso di esercizio (perche' non spezziamo bene) e 2 x 50m stile con pullbuoy perche' c'e' ancora tempo. In tutto 1800m in 45 minuti, con riscaldamento (100m) e 50 sciolti sparsi.

Oggi dunque riposo, con visita al Cioccoshow e grande prova di resistenza psicologica, perche' ho comprato solo 70g di scorze di arancio candite ricoperte di cioccolato bianco. Ma che fatica...

giovedì 15 novembre 2007

Mai andato cosi' forte

Soddisfazione alla Record. Sara' stato il riposo di ieri, sara' stata la notte agitata con i gatti miagolosi, sara' stato il vaccino antinfluenzale... ma cronometro alla mano, ho migliorato i tempi sui 25 e 50m a stile con regolarita'. Ovvero non si e' trattato di sporadici exploit, ma di vasche da 25m costanti sotto i 19" e dei 50m costantemente sotto i 38". Numerose serie, variamente composte, anche dopo vasche di gambe (comunque forti e sempre sotto i 25") Per dare un schemino (specie a Pasquale, sempre a caccia di idee per farsi del male in piscina):

300m WU
8 x 25m SL A gambe R progressione 1-4 (19.0"-18.3"-17.7"-17.0")
8 x 25m SL gambe, palette e pullbuoy, gambe, completo (x2)
50m sciolti
4 x 50m SL 50m gambe 50m palette e pullbuoy (x2)
50m sciolti
3 x 25m SL gambe, palette e pullbuoy e completo
2 x 50m SL 50m gambe 50m palette e pullbuoy
1 x 75m SL palette e pullbuoy
50m sciolti
8 x 25m SL gambe, palette e pullbuoy, gambe, completo (x2)
50m sciolti
4 x 50m SL 50m gambe 50m palette e pullbuoy (x2)
50m sciolti
1 x 75m SL completo palette e pullbuoy
2 x 50m SL 50m gambe 50m palette e pullbuoy
3 x 25m SL gambe, palette e pullbuoy e completo
50m sciolti

Passo forte, sempre, partenze al minuto, riposo 1' ogni serie.

E, per quel che mi riguarda, sono parecchio contento, visto che i miei tempi "base" un annetto fa erano sui 42" sui 50m e 20/21" sui 25m, ma spesso stavo sopra.

mercoledì 14 novembre 2007

3 giorni e non se ne puo' piu'

Pignaca, un mio amico tifoso del Bologna, ma soprattutto del bel calcio, ha scritto queste righe a caldo domenica sera. Che mi sento di condividere, a tal punto che le riporto integralmente:

Facciamo conto che io adesso stia uscendo per fare la spesa, e facciamo sempre conto che la mia auto venga tamponata da un'altra auto guidata da uno che ha nello specchietto il Topo Gigio della Sambeneddettese. Io esco, lui esce e comincia ad insultarmi, ne segue un diverbio. Arriva la Polizia e un poliziotto mi spara.

Ecco, a quel punto interviene il primo giornalista a caso, tanto hanno tutti sui 23/25 anni, tutti carini e più o meno tutti idioti. Che batte la notizia "lite fra tifosi, muore 49enne tifoso del Bologna". A quel punto partono su tutti i TG le immagini di tutti gli episodi cruenti a partire dal caso Paparelli in poi, fino a Raciti. Il tema è "la violenza dei tifosi allo stadio".

Non so bene cosa sia successo ad Arezzo, ad occhio mi pare che sia avvenuto un omicidio e per questo ci saranno indagini, assoluzioni o condanne (poi condonate) e quello che vi pare. Sempre ad occhio mi pare che un poliziotto abbia ucciso un ragazzo. Omicidio colposo, almeno. Ma cosa c'entra il calcio? Ma cosa c'entra chi ha questa passione e la coltiva e la domenica vuole vedere una partita di football?

Dico questo per due motivi.
Il primo è che c'è un clima esasperato, le leggi attuali sono assolutamente inadeguate in quanto uno stadio non è un lager e la gente che ci entra è perloppiù gente perbene. Ieri - ve lo giuro sui miei figli - dopo che sono entrato, mi sono girato per vedere dov'era E. e se era riuscito a portare dentro il suo accendino. Bene ho visto un poliziotto perquisire un bambino che non aveva più di 6 anni. Gli ha palpato le gambine fino alle scarpe. Il suo babbo aveva con se quel bambino e il suo fratellino leggermente più grande, sugli 8 anni e si sono seduti poi sopra di me, un pò spostati verso San Luca - più o meno sulla fila 26 o 27 del settore distinti nella partita con il Chievo (!). Questo per dire che non sto sparando cazzate.

Il secondo motivo è che certa tifoseria è formata da idioti. Idioti, punto. Mi riferisco a Bergamo dove hanno fatto casino al punto di sospendere una partita. Mi auguro, adesso, che l'Atalanta perda 0 a 3 e che qualcuno finisca in galera.

A me pare che in questo complicato momento siano tutti inadeguati al compito. Il Governo, con Amato e Melandri - dopo Pisanu e l'altra compagnia - che non ci hanno capito niente e che hanno deciso di uccidere il calcio. I giornalisti che parlano sempre condendo il loro articoli di "violenza allo stadio" anche quando lo stadio non c'entra niente e quando gli episodi di teppismo nascono dentro il degrado che c'è dentro la testa di taluni. Gli addetti ai lavori che invece di praticare uno sport si dedicano al "dagli addosso all'arbitro". Simulazioni, finti infortuni, lamentele, uno schifo eppoi l'alibi serale di un fuorigioco di 3 millimetri non segnalato.

Io dico che il calcio è violentato, è la vittima, non il colpevole.

Pignaca

martedì 13 novembre 2007

Triathlon

La pila di fumetti, riviste e magazines sul comodino nonche' le registrazioni tv da recuperare stanno assumendo un volume consistente. E devo preparare l'esame del Corso FITri per il 16 dicembre, e un minimo di ripasso (se non proprio di studio) lo devo fare. In piu' Kawagima pretende che mi alleni ogni giorno, senno' mi fa notare che "Ieri non ci siamo visti!"... Infine devo allenarmi, l'Ironman sara' il 13 aprile, e sono 6 mesi. Pochi? Molti? Beh, non e' il caso di rilassarsi troppo.

Ieri dunque seduta di nuoto con il coach e ho scoperto il fartlek natatorio. 10 x 150m a stile con il terzo 50 (poi il secondo, poi il primo e da capo) un po' piu' forte. L'obiettivo era 50" i due medi e 48" per il medio forte. Risultato? Il forte tra il 44.3 e il 52.2 e i medi tra il 48 ed il 58.8. Qualche volta azzeccavo i due medi "congrui" e il medio forte leggermente troppo veloce, ma in sostanza forse in un paio di 150 ho raggiunto lo scopo. A chiudere un 4 x50m gambe stile sul 1'28".

Stamattina invece ho fatto (da solo) una seduta che non va ricordata fra gli amici, e molto deprimente per il morale, ma ovviamente molto utile nella costruzione del fondo e della gamba. Partito dal CUSB in bici dopo 10 minuti di padellino (34), mi sono immolato con 10 bastoni da 1 km cadauno a monopedale, poi una serie da 10 ripetizioni da seduto in leggera salita di 200m a rpm vertiginose, dal 34-27 ad un sadomaso 50-12. Infine, ritornato al CUSB e dopo una chiacchierata con l'uomo saetta (perche' lavora all'ENEL) che sara' con me in Arizona, chiusura in bellezza con 17 minuti di corsa sul prato, esercizi di podismo e un paio di allunghi sul prato.

In serata il triathlon e' completato da una robusta seduta di nuoto con 10 x 50m di tecnica mista a delfino-dorso-rana e un 10 x 100m stile a 1'55".